>Faccia a faccia con mr. Zinni

>Quello che incontro al bancone del bar del ministero dell’Interno è forse l’uomo più amato e odiato da tutto il borbontino. Il luogo l’ha scelto lui, memore di serate trascorse a bere superalcolici in compagnia di vecchi marpioni della Lega Confignara. Qui nomi come Toggi, Di Sartino, Pipetta, fanno ancora scaldare i cuori e sulle pareti non ci sono solo le foto del Kipsta ultima maniera, ma anche quelle storiche, ingiallite dal tempo e dal fumo di sigaretta, della mitica compagine dei “Granata”. Lui c’era, ma sul campo, non in panchina come ora. Certo, il tempo è passato inesorabile da quegli anni di fuoco e di cambiamenti ce ne sono stati tanti. Al ministero si incontra ancora nei corridoi il mitico Delle Fave, ma dietro al bancone del bar interno la famosa barista non c’è più. Ora vive sposata a Sacrofano con tre bei figli e uno sguardo malizioso che tutti gli avventori si ricordano ancora bene. Anche il volto di mr. Zinni non è più lo stesso. Ogni ruga una esperienza dentro e fuori dal campo. Ma lo sguardo è sempre il solito, come le occhiaie, la stempiatura ed il brutto vizio (che troppe storie gli ha compromesso) di dilungarsi un po’ troppo sui decolté altrui.
Quando mi vede mi fa cenno con il suo bicchiere di cedrata di avvicinarmi: “Mettiti comodo – mi dice – ne abbiamo di cose di cui parlare”. Mi siedo accanto a lui come uno scolaretto di fronte ad un maestro ed inizio a chiedere.

M – Come va?
Z – Ho vissuto stagioni migliori. In panchina ogni cosa è centuplicata, nel bene e nel male…
M – E il Kipsta?
Z – A differenza di quanto molti pensano e scrivono (mi rivolge un sorriso che è tutto un programma) la squadra sta rispondendo bene. Ci sono le basi ed i segnali per fare bene.
M – A sentire le ultime voci provenienti dallo spogliatoio non si direbbe. La fascia di capitano sta scavando solchi fra i giocatori…
Z – Vedo che non usi giri di parole Manlio. Allora non lo farò neanche io. Quello apparso sul sito Kipsta, solo Kipsta, Kipsta e basta era un sondaggio. Può aver fatto scaldare gli animi fra i tifosi ma per noi che viviamo ogni giorno nello spogliatoio non vale nulla. Le gerarchie le conoscono tutti i giocatori e se qualcuno le vuole mettere in discussione viene a parlare con me.
M – Vuol dire che il capitano rimane il Guada?
Z – Vuol dire che la fascia ce l’ha chi se la merita in base all’anzianità, la disponibilità e soprattutto la qualità. Mi sembra che nonostante gli infortuni il Guada stia dimostrando partita dopo partita di non demeritarla. Questo non toglie che tutto può cambiare e molti altri giocatori si stanno segnalando per l’impegno e la dedizione.
M – Cosa si sente di dire al Sarto.
Z – Con il Sarto ci parlo ogni giorno agli allenamenti. Lui sa che conto molto su di lui. L’ho sempre difeso, anche quando le sue condizioni atletiche facevano pensare ad un suo imminente ritiro. Per chi ha la memoria corta io ho portato questo giocatore nel Kipsta. La sua grinta merita tutti i riconoscimenti del pubblico e dei tifosi. Ma per la fascia di capitano deve ancora fare strada. Una strada che non è però così lunga come si potrebbe pensare.
M – La società cosa dice in proposito a questa e alle altre questioni che agitano lo spogliatoio?
Z – Dovresti chiederlo alla dirigenza. Sempre che tu riesca a contattarla. Sono settimane che cerco di parlare con il Presidente e le risposte sono sempre le stesse, tutte negative. Da quando ha preso in gestione anche la squadra di calciotto “Amici degli Ing.” È sempre più difficile riuscire a concertare non solo la campagna acquisti, ma anche le normali sessioni di allenamento.
M – Il Kipsta si sente abbandonato?
Z – Il Kipsta vive dell’amore dei suoi tifosi, ma certo il silenzio di chi dovrebbe pensare alla normale amministrazione della squadra non fa piacere. Ogni team è come una grande famiglia allargata e ognuno ricopre un ruolo. Se i giocatori sono i figli, da sgridare per farli lavorare bene ma anche da coccolare quando se lo meritano, e l’allenatore è il padre, la presidenza ricopre il ruolo della madre. Se la madre è colpevolmente assente tutta la famiglia ne risente, i figli in primis.
M – Ci sarebbe anche la polemica mossa da alcuni tifosi e, si dice, giocatori nei confronti del nuovo acquisto Danny…
Z – Anche qui sarò chiaro: se qualcuno pensa di avere sotto mano un giocatore migliore di Danny o, fra i suoi compagni, è convinto di meritare più spazio a suo danno si faccia avanti. Io ancora non ho visto nessuno in grado di sostituirlo degnamente. E sono pronto a giocarmi il posto per un giocatore come lui. Se qualcuno vuole muovere critiche o osservazioni lo faccia, ma con elementi concreti in mano, non con falsi scoop e dicerie da portinaia.
M – A questo punto della stagione c’è un Kipsta titolare?
Z – Se dovessi schierare una formazione tipo metterei: Cristianone, Guada, Danny, Paolotchie, Sarto.
M – Nomi illustri fuori squadra…
Z – Forse, ma io guardo il rendimento e al momento questa mi pare la formazione con maggiori possibilità. Lo so che manca una colonna portante come il Pomata in campo, ma in queste ultime partite c’è stato un progressivo appannamento del giocatore, dovuto forse ai suoi eccessivi impegni. Quando recupererà tonicità sarò il primo a rivalutare la sua posizione.
M – E Brionvega?
Z – Era lui il portiere titolare, ma l’ultima volta ha espresso chiaramente la sua preferenza nei confronti della squadra Ing. Roma 2 rifiutando la convocazione.
M – Pensa che si voglia mettere sul mercato?
Z – Io non lo so, se il Kipsta ritornerà al centro dei suoi pensieri sarò il primo ad aprirgli le porte, ma al momento mi sembra che abbia altre priorità dentro e fuori dal campo.
M – Bocciatura definitiva per Homer?
Z – Io non boccio nessuno ma non mi faccio neanche influenzare dalle frange più estremiste del nostro tifo. Al momento Homer in attacco non può essere titolare e credo che l’ultima partita lo abbia dimostrato. Credo però che, con maggior applicazione tattica, si possa aprire per lui un futuro da libero con i piedi buoni. Le prossime partite lo proverò in questo ruolo in cui ha già dato ottimi risultati soprattutto a calciotto. Se vuole essere di nuovo il puntero titolare del Kipsta deve ricominciare a dare di più.
M – Qual è il reparto che al momento la soddisfa maggiormente?
Z – Il centrocampo. Sono convinto che sia di livello assoluto sia a calcetto che a calciotto.
M – Sui giovani che scalpitano ha qualcosa da dire?
Z – Tutti avranno le loro chance purchè se le meritino. Prendiamo un esempio: Lucone. Non ha mai fatto parte della rosa dei titolari e dai più era considerato un giocatore da “battaglia”. Eppure queste ultime partite stanno mostrandoci aspetti del suo gioco che non conoscevamo. Una crescita importante che, se proficuamente accompagnata, lo porterà presto sugli scudi.
M – Davidone invece sta deludendo un po’ le aspettative suscitate l’anno scorso…
Z – Il ragazzo ha mezzi tecnici e, soprattutto, fisici di prima qualità. L’ho introdotto io nel Kipsta e non mi pento di averlo fatto. La sua esuberanza atletica, se accompagnata da un lieve miglioramento tecnico, lo può far diventare l’arma in più del Kipsta, come infatti è già stato in passato. Certo, in questo momento sta attraversando un periodo di flessione. Ma questo non mi preoccupa. Mi preoccupa molto di più che voci di mercato lo distraggano da quello che realmente conta adesso: il lavoro e la concentrazione. Può ancora migliorare e l’errore più grande che può commettere è di sentirsi arrivato.
M – Sugli altri giocatori arrivati in sede di mercato di riparazione?
Z – Sono tutti buoni giocatori con caratteristiche diverse che servono alla squadra. Sono stati acquisti mirati che hanno già dimostrato di poter dare il loro contributo. Filippovich e Bustav possono dare quantità e grinta in difesa. Federico l’olandesevolante può dare nuove frecce all’arco dell’attacco kipsta. Certo, nessuno si nasconde che ci sono giocatori più forti. Ma spesso la differenza la fanno proprio i giocatori che non ti aspetti.
M – Cosa le ha dato più gioia in questi ultimi mesi del 2007?
Z – Per quanto riguarda il Kipsta il ritorno di Paolotchie. Non mento se affermo che pensavamo di averlo smarrito per sempre come è successo per altri giocatori tutto genio e sregolatezza. Antonio Cassano ne è l’esempio maggiore. Uno con le sue potenzialità rischiava di buttare ai rovi una intera carriera se non avesse messo la testa a posto, e mi sembra che lo abbia fatto. Le ultime partite dimostrano una crescita non tanto fisica ma mentale. E’ un giocatore diverso, più maturo e consapevole del fatto di far parte di una squadra. Se il fisico non lo abbandonerà potrà diventare un elemento imprescindibile di questa formazione. Su di lui tutti puntiamo molto. Sta a lui non deluderci.
M – Nessun rammarico?
Z – Chi dice di non avere rimpianti mente. Io ne ho tanti. I più grossi? La sconfitta con il Prato Falcone Team, una partita importante buttata per scarsa concentrazione ma anche per il comportamento di alcuni giocatori, che erano in campo ma anche fuori. Le difficoltà fisiche di Paul of Cain, l’attaccante che serviva a questa compagine. E infine la difficoltà di poter schierare con un po’ più di continuità il cinque titolare. Troppe partitelle arrugginiscono i meccanismi. Per una volta vorrei poter giocare con i 5 migliori in quel momento.

Siamo al quinto bicchiere di cedrata e il bar sta chiudendo i battenti. Mr. Zinni si alza il bavero del cappotto e si avvia verso l’uscita. Prima di vederlo scomparire nel buio di via Nazionale faccio in tempo a chiedergli un ultima cosa: “La sua storia con il Kipsta è destinata a continuare ancora a lungo?”. La sua risposta mi lascia una strana sensazione in bocca: “Non dipende da me, ma tutto è destinato a finire nella vita. Sento da più parti lamentele per il mio gioco e per come gestisco la squadra. Tutti pensano di sapere tutto. Io dopo tutto questo tempo so invece di non sapere nulla. A questa squadra ho dato tutto, ma questo non vuol dire che la società mi debba confermare vita natural durante. Se la squadra non mi seguirà più sarò il primo a fare le valigie”.
Qualcosa però mi fa pensare che questo non sarà il nostro ultimo incontro.

Manlio Cersosimo

15 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. Anonymous
    Dic 19, 2007 @ 20:46:00

    >Oddio ragazzi…ho le lacrime agli occhi! Mr. Zinni mi ricorda un pò il mister Zeman… forse i risultati non lo premiano, ma la sua filosofia di gioco è incrollabile e il suo carattere inconfondibile!Grazie mister, ancora una volta! Il Kipsta è lei!Luca CiardulliBorgata Fidene

    Rispondi

  2. Anonymous
    Dic 19, 2007 @ 20:48:00

    >Manlio sei sempre il migliore:hai fatto lo scoop! Grande mister! Siamo tutti con lei!Teresa ArtenattiSigillo (RI)

    Rispondi

  3. Anonymous
    Dic 19, 2007 @ 21:46:00

    >Toggi torna!!! I calcio ha bisogno di te!!!Ciro CapuozzoCastellammare (NA)

    Rispondi

  4. Anonymous
    Dic 19, 2007 @ 21:50:00

    >Adesso voglio proprio sentirli i critici di mister Zinni! Pescecani che non sono altro! Il mister è tornato e farà vedere a tutti quello che vale… La verità è che senza mister Zinni i Kipsta sarebbero ben poca cosa, ma questo a certi signori proprio non va giù!Chi altri è capace di dare gioco alla squadra come fa lui? Chi sa valorizzare i giovani del vivaio come ha fatto lui? E chi è capace di tenere le redini di una squadra sia sul piano tecnico che su quello amministrativo come fa lui???Nessuno!Dai mister, facci tornare a sognare! La Cupini se lo merita!!Fausto Azzaroda Borgo Panigale

    Rispondi

  5. Anonymous
    Dic 20, 2007 @ 10:56:00

    >Apprezzo il coraggio di Mr. Zinni di aver rilasciato questa intervista e di non essersi sottratto alle domande sempre acute e “ficchine” del nostro Manlio, al quale riconfermo la stima nonostante alcune incomprensioni del recente passato.Purtroppo non posso non constatare che per l’ennesima volta Mr. Zinni risponde utilizzando il classico lessico degli allenatori italiani che ha le sue radici nella vecchia Democrazia Cristiana: Mr Zinni dice tutto e il contrario di tutto.Ad esempio, non ha chiarito in modo definitivo la “questione capitano” perchè prima conferma Guada ma poi lascia aperte le porte a tutti. Prima dice che Il Sarto non è ancora pronto ma poi sottolinea che “la strada non è così lunga come si potrebbe pensare”.E che dire dei commenti sui vari giocatori: una parola buona non la si nega davvero a nessuno, compreso il fumosissimo Danny arrivato direttamente dal campionato nipponico.Insomma, mi pare che l’intervento di Mr. Zinni abbia l’obiettivo, neanche troppo nascosto, di narcotizzare i problemi, evitare di affrontare le questioni più spinose e cercare di tirare a campare.Sicuramente tutto questo è dovuto alla saggezza che si acquista con l’andare avanti dell’età, ma non vi nascondo che avrei apprezzato di più un Mr. Zinni al vetriolo pronto a dire cose “scomode” ma sincere e a subirne, poi, le conseguenze con la schiena dritta senza paura.Peccato. Si è persa una buona occasione per fare chiarezza nel mondo Kipsta. Si è invece preferito tranquillizzare il “tifoso medio” e salvaguardare gli incassi del patron Angelone per le prossime partite.Il mio timore, però, è che ormai gli equilibri si siano deteriorati e che i “giochi di prestigio dialettici” di Mr. Zinni non lo potranno salvare da una rovinosa caduta.Ughetto Scannasorca (vice direttore de L’Eco del Gianicolo)

    Rispondi

  6. Anonymous
    Dic 20, 2007 @ 12:46:00

    >Mamma mia…. mi sento davvero molto più tranquillo!Grazie mister!Tifoso medio

    Rispondi

  7. Anonymous
    Dic 20, 2007 @ 13:45:00

    >Parole sante quelle di Ughetto Scannasorca. Parole affilate come la lama di un pugnale.Sandro Kan

    Rispondi

  8. Anonymous
    Dic 20, 2007 @ 13:55:00

    >Parole piuttosto forti, Ughetto!Buford “cane pazzo” Tannen

    Rispondi

  9. Anonymous
    Dic 20, 2007 @ 14:41:00

    >il marciume e la cassetta a tutti i costi sono arrivati anche al kipsta….le solite fumose pseudoverità dette da uno pseudomister.rassegnamoci a tifare (?) per una pseudosquadra.–florestano

    Rispondi

  10. Anonymous
    Dic 20, 2007 @ 14:54:00

    >Basta con queste interviste “da salotto” senza contraddittorio.Lancio invece una sfida al Mr. Zinni: scenda dal piedistallo e venga in mezzo a noi per rispondere alle nostre domande, senza “buonismi” e senza giornalisti intermediari che indorano la pillola.Anche tu caro Manlio ci avevi promesso un filo diretto ma vedo che non se n’è fatto più niente.Tifoso Lanciatore

    Rispondi

  11. Anonymous
    Dic 21, 2007 @ 08:45:00

    >Ragazzi, ma possibile che non siamo mai contenti??? A me invece l’intervista al mister è piaciuta! Mr. Zinni ha espresso le sue Opinioni! In fondo è riuscito a non scontentare nessuno… un buffetto al Guada, un complimento a Lucone, qualche briciola al Sarto, una parolina per Danny e una pacca sulle spalle a Davidone… l’unico forse un pò scontento è il Pomata… ma come dargli torto? L’Opinione delle persone va rispettata, ognuno ha il suo modo di vedere le cose… per esempio io capisco le critiche di Scannasorca perchè rappresentano il suo punto di vista! Capite ragazzi? Basta un pò di rispetto e la pillola va giù! Saremo tutti più amici in questo modo!Buon punto di vista a tutti,Tifoso opinionista/conciliante

    Rispondi

  12. Anonymous
    Dic 21, 2007 @ 10:40:00

    >Che palle sto Tifoso Conciliante!! Ma da dove è ricicciato fuori?Viva la polemica…che è il sale della vita!Prendo spunto dall’idea del Tifoso Lanciatore e faccio la mia domanda al Mr Zinni:Perchè se il sondaggio nun valeva niente, non sei mai intervenuto pubblicamente per spiegarlo ai tifosi? Tutti noi fans abbiamo votato per tante settimane e poi nun è servito a niente…tanto decidi tu! Mi sembra un comportamento poco corretto.Tifoso Rissoso…ma con garbo

    Rispondi

  13. Anonymous
    Dic 21, 2007 @ 11:10:00

    >viste le circostanze è necessario porre fine a tutte queste sterili polemiche. c’è una sola soluzione, l’unica democratica, propongo di organizzare una serata “uno contro tutti” al maurizio costanzo show: mr.zinni sul palco, una folta rappresentativa dei tifosi in platea e il manlio nazionale come mediatore.che ne dite?ps: non è un sondaggio, quelli non valgono niente😉 ___florestano

    Rispondi

  14. Anonymous
    Dic 21, 2007 @ 12:28:00

    >Io rispetto l’opinione di Florestano (come quella di tutti, d’altronde)e vi dico che sono d’accordo! Dai, facciamo una serata dall’amico Maurizio Costanzo in cui ciascuno possa esprimere il suo pensiero. E poi Manlio moderatore è una garanzia….lui si che, da bravo ex militante della beneamata DC, sa considerare le istanze di tutti!Sono certo che il mister non si sottrarrà ad un confronto riconciliante…Tifoso opinionista/conciliante

    Rispondi

  15. Anonymous
    Dic 21, 2007 @ 12:32:00

    >si si, ennamo ‘mpò! Che siffàmo ‘na seratina in tivvù io penzo a portà da magnà! Ve preparo ‘a coratella e ve’nciafardo llà ‘na bbella tinozza de trippa da magnà a cucchiajate!Ce pensa nonnetta vostra…Nonna Cecia da Testaccio

    Rispondi

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: