>Cineanteprima: The Brion ultimatum. Il trapano colpisce ancora

>

Serata di galà sabato a villa Miani, sulla collina di Monte Mario. Tutto il bel mondo romano era riunito per la presentazione del nuovo blockbuster made in Usa che ha sbancato i botteghini di mezzo mondo, l’ultima fatica del duo pluripremiato e plurivezzeggiato dallo star system Troy McClure (regia) e Brionvega (attore): “The Brion ultimatum. Il trapano colpisce ancora”. Il film, terzo ed ultimo (ma mai dire mai) della serie esce a 6 anni dal primo “The Brion identity. Operazione TU SAI COSA” e a breve distanza dalla seconda puntata “The Brion supremacy. La vendetta del fantasma con gli occhi a forma di cazzo”. Questa volta il nostro eroe Jason Brion deve vedersela con uno zainetto per macchina fotografica Canon pagato quattro volte il prezzo di mercato che contiene un terribile segreto: la ricetta segreta del melogranotto old style (quella 9/10 alcool, 1/10 semi essiccati al sole di Orte). Alla presentazione, oltre al sindaco di S. Andrea Gigi Majerò e al dinamico duo Clooney-Pitt, venuti appositamente per festeggiare il famoso regista Troy McClure, anche i diretti interessati: Brionvega, in compagnia della sua novella sposa Mery e Troy McClure in versione falco pellegrino “Sto bene qui?”. Al ricevimento anche il guest star della pellicola, il Sarto nel ruolo del perfido Vaporidis.

Intervistato sulla pellicola Brionvega, sempre più attratto dalle sirene di Hollywood, ha così risposto: “Un film tutto adrenalina come le mie prestazioni in porta: non sai mai cosa aspettarti da un momento all’altro. Non è vero che oramai la mia attenzione sia tutta rivolta al mondo patinato del cinema, il mio cuore è sempre in mezzo al campo da gioco. Certo, ultimamante le mie presenze con il Kipsta sono un pò scemate ma voi lo sapete, uno stantuffo come me nel primo mese di matrimonio ha altre prerogative”.

Non la pensavano così, però, i venti ultras del gruppo Pedeske che all’ingresso di Villa Miani hanno contestato il protagonista e gli altri invitati con rutti e scoreggie in classico homer style e esponendo striscioni che dicevano: “Meglio Lino Benfi de Brionvega” e “Se i commercialisti se lo pjano je lo porto impacchettato”. Il capo di questa agguerrita masnada di teppisti da stadio, Loris Gozzo ha così tuonato ai microfoni dell’inviato di Radio Nasello: “Se semo rotti de sti calcaitori prime donne: voi giocà col Kipsta? Gioca! Te ne voi annà a Holliwuude? Vacce e nun ce rompi più li C…i!!! noi siamo contro il calcio moderno e gli inciuci da isola dei famosi! Un solo grido: Homer, solo Homer, Homer e basta!!!”.

Le polemiche in casa Kipsta sembrano quindi non avere mai fine, anche tra una tartina al caviale ed uno sgonfiotto fritto. Intanto stanno per arrivare sugli schermi borbontini una selva di pellicole scollacciate e pecorecce per le festività natalizie con protagonisti volti noti del calcio borbontino: su tutte “Sgonfiotti verdi fritti alla fermata di Ipogeo” con il Guada nel ruolo del capostazione mr. Square e “Lucchina’s Thirteen” col Vaporidis, il Pomata e Brionvega.

Manlio Cersosimo

34 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. Anonymous
    Nov 05, 2007 @ 17:55:00

    >uhe’ cioè raga, tutto rego?uhe’ volevo dire che qui al nord i kipsta vanno un casino teh,ieri l’altro, sotto casa del Bepi, ero con la Gemy e il Lanferdi, uhe’, ma non ti vado ad incontrare il Brion con la Mery, son propio ganzi quei due, togo!Cioè, volevo dire che la settimana della moda è passata, ma c’è sempre un gran movimento di berna qui eh, e di mona per le girls.Sì, ma in verità scrivevo per commentare il film di Brion:è veramente un flash!uhe’ mi ha incantato!specie quando lui inganna la direzione del kipstarello e mentre tutti lo vanno a cercare a via panizzi per prenderlo a legnate lui si guarda un filmetto porno nella sala conferenze di kipstarello!UN GRANDE!E volevo consigliare anche il nuovo film di Homer Stiller e dei fratelli Macorrelly, “lo spaccaculi” DEGNO DI LODE CAZZO, DEGNO DI LODE!un saluto trendydal Pucci

    Rispondi

  2. Anonymous
    Nov 06, 2007 @ 09:57:00

    >Non vedo l’ora che esca “Natale a Monculo” con Homer, Cristian Na Sega, Massimo Soldi, Manuela Arculo e Deborina Salvataggio!Evviva il cinema italiano!Evviva le pellicole de noantri!!!!Homer capitano!!Gionata del Gruppo Pedeske

    Rispondi

  3. Anonymous
    Nov 06, 2007 @ 10:21:00

    >Ciao Manlio.Ho visto ieri sera il film in anteprima grazie ai biglietti che mi ha dato il cugino dello zio del nonno del nipote del miglior amico della vicina di casa del collega dell’inquilino del piano di sotto. Devo ammettere che il film è piuttosto godibile ma niente a che vedere con il secondo capitolo della saga “The Brion supremacy. La vendetta del fantasma con gli occhi a forma di cazzo”, autentico capolavoro della cinematografia mondiale.Vorrei tralasciare il fatto che i popcorn erano freddi e la Coca Cola era calda…ma no, anzi, non tralascio manco per il cazzo, visto quanto li ho pagati. E’ una vera follia: ma porca paletta, uno lavora tutta la settimana, arriva davanti al cinema e perde mezz’pora per trovare parcheggio, poi venti minuti per comprare i biglietti e poi…Ok, scusa lo sfogo Manlio, ritorniamo al film. Ho avuto delle riserve su Brion Vega. C’era poco studio del personaggio e poi c’erano troppi primi piani che obiettivamente inondavano lo schermo peggio di uno tsunami. Ma io dico: viste le caratteristiche fisiche del protagonista, non erano meglio dei campi medi o addirittura dei campi lunghi in modo da dare il giusto risalto e la giusta luce ai “punti forti” dell’attore? Nonostante questo, grazie agli effetti speciali, alla fine anche lui se l’è cavata.Molto buono, invece, l’esordio del Sarto che, seppur ancora acerbo, ha dimostrato di avere stoffa e ora è già stato contattato per la parte del consulente finanziario sposato, divorziato 2 volte con tre figli a carico e una crisi di identità omosessuale, nel prossimo film di Forzen Azzpetak in uscita in primavera. Sempre che il Sarto non ceda alle lusinghe della Tv e non accetti di partecipare al reality “il Kibbutz” (targato Mediaset) nel quale 10 perfetti idioti faranno i contadini per un mese nella Striscia di Gaza pensando che si tratti delle tranquille campagne attorno a Monte Pulciano. Tornando al film la cosa più deludente è stata la mancanza di “figa”. Ma come è possibile che nel 2007 si possa fare un film senza inserire una co-protagonista con tutte le cose al punto giusto? Cribbio, viviamo nella società dell’immagine e dell’apparire: da quando contano la sceneggiatura e la recitazione? Che Troy Mc Clure si sia montato la testa?In attesa di una tua risposta sulla mia umile recensione, voglio chiederti un’ultima cosa, Manlio. Non è possibile aprire un filo diretto con te (tipo “Manlio risponde” o “Manlio bocca a ciavatta” o ancora “Racconta i cazzi tuoi a Manlio, che poi ci pensa lui a spifferarli a tutto il mondo”) e magari anche creare un concorso a premi?Con la solita, incrollabile stima.Un caro salutoBob Testa di Quercia

    Rispondi

  4. Anonymous
    Nov 06, 2007 @ 11:02:00

    >Caro Bob, ho letto con molto piacere la tua recensione all’ultima fatica di Brionvega: osservazioni puntuali e pertinenti, complimenti! Mi fa sempre piacere vedere che ci sono lettori che sfatano l’atavico mito del tifoso analfabeta (gruppo Pedeske, brigata Piloty e Collettivo Martelletto permettendo)! Hai ragione soprattutto su un aspetto: occhio alla carriera cinematografica del Sarto, il nuovo Vaporidis: voci di corridoio ne parlano come il futuro coprotagonista dell’attesissimo seguito del capolavoro “Cemento armato” proprio con il Vaporidis, “Cazzuola”. Per quanto riguarda la tua richiesta, creare una sorta di “posta del cuore di Manlio” in cui chiedere consigli, opinioni, suggerimenti al sottoscritto, non può che farmi un immenso piacere. In questo senso la Voce della Cupini si sta attivando per dare il via ad una nuova prestigiosa iniziativa: Filo diretto con Manlio. Una rubrica settimanale in cui risponderò alle lettere, private e non, dei nostri affezionati lettori. In attesa delle tue lettere, Bob, e di quelle di tutti gli altri lettori, ti saluto cordialmente.Manlio Cersosimo

    Rispondi

  5. mammadilarissa
    Nov 06, 2007 @ 11:17:00

    >Ciao, sono la mamma di Larissa, volevo dare un consiglio per un film di sicuro successo:un bicchiere di latte, un frutto, qualche parolaccia, una bella sventrona, e un nano comunista con la passione per il ballo!

    Rispondi

  6. Daffi
    Nov 06, 2007 @ 11:39:00

    >Caro Bob Testa di Quercia,sono la prima moglie di quel farabutto del Sarto. Ti ringrazio molto per il tuo post; ora almeno so che il “maritino perfetto” ha avuto ben due storielle parallele e stasera quando torna a casa gli faccio vedere io (ho già ingaggiato due delle case popolari che mi hanno detto non si faranno alcuno scrupolo…e c’è da crederci).A proposito della crisi di identità omosessuale, dì la verità c’ha provato con te!…ora capisco tutte quelle storie sui mal di testa e sui fastidiosi pruriti anali. Ecco perchè con EURAX la situazione non migliorava.Comunque sull’assenza di figa (stai attento sei sposato pure te e potrei spifferare tutto sul tuo vocabolario sconcio) dato che a breve rimarrò vedova e, si sa, in qualche modo dovrò provvedere, mi propongo per la prossima edizione di “The Bourne…”

    Rispondi

  7. Anonymous
    Nov 06, 2007 @ 12:21:00

    >Per la mamma di Larissa…Ma se il nano non è comunista, viene bene lo stesso o si sente un retrogusto amaro?

    Rispondi

  8. Anonymous
    Nov 06, 2007 @ 13:41:00

    >Ciao, sono la prima cugina di Brion, volevo dire che Troy è un porco perché mi ha palpato le tette!1 bacioLara Zocco

    Rispondi

  9. Brionvega
    Nov 06, 2007 @ 13:50:00

    >Salve, sono Brionvega, forse vi ricorderete di me per filmdi spessore come: “il mobile traballa”, o “Archimede, mille e una leva” o anche “Tutti i membri del Presidente” (in quest’ultimo lavoravo al fianco di Patron Angelone).Ho letto con piacere le recensioni che riguardano il mio ultimo film, e spero che la tacita publicità alla Black & Decker non vi sia stata indigesta. Vi prego di restare in attesa dell’attessissimo PREQUEL, ovvero “Brion Teorema: lo Svitatutto me fa na…” che pare debba uscire solo in VHS e con grossi tagli dalla censura, che non apprezza più l’arte di una volta. Un sostegno alla cara Daffi. Troy non mi negherà la tua partecipazione al prosimo filmz.Per restare in tema, pare che Mr. Zinni stia per girare un sequel remake, commistione di tre generi differenti, ovvero “L’Allenatore nel pallone: ogni maledetta domenica TU SAI COSA”. Imperdibile!

    Rispondi

  10. Anonymous
    Nov 06, 2007 @ 14:01:00

    >Spett.le Sig.ra Daffi,con la presente vorrei chiarire che Lei ha frainteso le mie parole. Nella mia veste di proboviro della Confraternità degli “Avvinazzati” di Pizzo Papero de Sotto, non mi permetterei mai di diffondere a mezzo stampa notizie sulla situazione coniugale o sugli orientamenti sessuali di qualcun’altro. Quindi, stia tranquilla: ho solo riportato il “ruolo” che Forzen Azzpetak vorrebbe affidare a suo marito, ma sulla sua vita privata nulla si sa (anche se tutti i calciatori e poi futuri attori possono essere facilmente concupiti da qualche starletta/starletto del patinato mondo della Tv).Per quanto riguarda una sua partecipazione al prossimo film, La invito a leggere bene la sceneggiatura prima di accettare la parte, a verificare che il regista non sia più Troy Mc Clure (visto che ormai sembra non avere più lo charme di una volta e vista la “drammatica testimonianza” della prima cugina di Brion, Lara Zocco) ma soprattutto a controllare che il produttore abbia davvero i soldi e non sia un avventuriero che vanta false fidejussioni e fantomatiche “amicizie importanti”.Perchè allora non prova con i reality? Se “il Kibbutz” non le sembra abbastanza avventuroso, provi con “la pupa e il secchione” ma cerchi di farsi prendere nella squadra dei secchioni, altrimenti l’autostima dell'”essere umano” finisce sotto i tacchi. Come mi ripeto tutte le mattine davanti ad una tazza di caffè fumante (miscela arabico-caraibico-nippo-anglo-eschimese): “Mai parlare con un cretino; gli altri potrebbero non accorgersi della differenza!”Con profonda deferenza e imperitura stimaBob Testa di Quercia (proboviro della Confraternità degli “Avvinazzati” di Pizzo Papero de Sotto)

    Rispondi

  11. Anonymous
    Nov 06, 2007 @ 14:13:00

    >Ciao sono Ushi Digard, famosa attrice svedese degli anni 70 e/o 80. sicuramente vi ricorderete di me in film come Supervixens, Beneath the valley of the ultravixens e Trouble in the catholic school ma soprattutto per le mie mirabolanti tette. Questa mia solo per chiedere al grande regista Troy Mcclure di prendermi nel suo prossimo film “L’allenatore nel pallone: ogni maledetta domenica TU SAI COSA” e di affiancarmi oltre che quel bel manzello di mr. Zinni (ho DUE grandi segreti da svelargli..) anche l’imperituro Manlio, sono sicura che nonostante tutto è ancora “uno normale” e credo che potrebbe venirne fuori un bel menage a trois… altro che questi pischelli di oggi tipo il Vaporidis o il Sarto, tutto funo e niente arrosto come dimostra la bellissima lettera della signora Daffy, del centro d’ascolto “sono una donna non sono una Santa”.buoni motoscafi a tutti, la vostra Ushi Digard!!!

    Rispondi

  12. Anonymous
    Nov 06, 2007 @ 14:22:00

    >Caro Manlio, sono davvero felice della tua nuova iniziativa “Filo diretto con Manlio”. Aspetto con ansia che tu apra un apposito spazio dove tutti noi ci potremo confrontare senza censure e senza peli sulla lingua.Sei sempre il migliore. Manlio come Grillo.Un salutoSellone Ciompi

    Rispondi

  13. Daffi
    Nov 06, 2007 @ 14:32:00

    >Cavolo è troppo tardi per il contrordine BOB…….addio Sarto ti abbiamo voluto bene!

    Rispondi

  14. Anonymous
    Nov 06, 2007 @ 14:56:00

    >Cari amici, per avere informazioni più precise sul nuovo spazio a voi riservato, “Filo diretto con Manlio”, dovete chiedere delucidazioni al nostro web designer Vincenzo “Vorrei essere come Brionvega ma non so se ne sono capace” Federico.Un nuovo caro saluto a tuttiil vostro ManlioPS. Grazie Ushi, è un piacere risentirti, sto organizzando insieme alle nostre amiche Pam Grier, Donatella Damiani e Tiziana Lodetti (poco conosciuta ma MOLTO meritoria) una rimpatriata per fare quattro motoscafi in allegria, vuoi essere dei nostri? Facci sapere, il TUO Manlio.

    Rispondi

  15. Anonymous
    Nov 06, 2007 @ 15:15:00

    >Salve a tutti, sono Troy McClure, forse vi ricorderete di me per la regia di alcuni film come “Lo fate ignoranti” o per “A turno contro” o per “Romanzo Seminale”; Ho appena concluso la trilogia di Brion vero, ma non credo che il pubblico abbia appreso al meglio la molteplicità di significati e significanti che l’opera omnia racchiude, pensate che dopo la sesta volta che la vedo scopro nuove possibilità di interpretazione persino io!Sarà il senso di verità che racchiude in se l’uso della presa diretta e della camera a spalla, ma mi sembra di vedere ogni volta un film diverso!Molti di voi mi hanno chiesto il segreto dell’effetto speciale nella scena in cui Brion si getta da un palazzo di 10 piani, colpito da un proiettile e rimane per più di dieci minuti, senza respirare, nelle acque del Tevere, be’ il segreto è che non c’è segreto! La scena in verità è un filmato fatto con un telefonino da un tifoso della Cupini (che vuole rimanere anonimo per paura di ritorsioni)dopo una partita dei Kipsta in seguito ad una prestazione poco felice del portiere/attore. Queste ed altre novità racchiudono in se i miei film, frutto sì del mio incredibile talento, ma soprattutto della mia sempiterna fede nei kipsta! un saluto da Troy…

    Rispondi

  16. Anonymous
    Nov 06, 2007 @ 15:49:00

    >Troy, te lo voglio proprio dire in faccia: SEI UNO SQUALLIDO IMBONITORE!!!!Martin Scorsese

    Rispondi

  17. Anonymous
    Nov 06, 2007 @ 15:52:00

    >La triologia di Jason Brion è una cagata pazzesca e Troy è un regista ridicolo!Francis Ford Coppola

    Rispondi

  18. Anonymous
    Nov 06, 2007 @ 15:53:00

    >Poche volte ho visto attori così cani come Brionvega e il Sarto, a sto punto meglio pure il Vaporidis!!!Giorgio Albertazzi

    Rispondi

  19. Anonymous
    Nov 06, 2007 @ 15:55:00

    >Era molto più espressivo John Holmes mentre faceva robba in uno qualunque dei suoi film che Brionvega in tutti i suoi primi piani messi insieme.. e che capoccia, un pacchetto de cipster e na coca cola in testa e lo poi fa diventà un comodino!!!Robert Redford

    Rispondi

  20. Anonymous
    Nov 06, 2007 @ 16:26:00

    >Robert, abbassa le penne e sciacquati la bocca quando parli di mio nonno. Pensi che sia facile essere espressivi e soddisfare contemporaneamente 18 “professioniste” del settore senza neanche mezza cilecca? E poi pensa ai tuoi film: “Leoni per Agnelli”…puah!! Molto meglio il capolavoro di mio nonno “Cazzi per culi”!Jack Pistolino Holmes (nipote di cotanto nonno)

    Rispondi

  21. Anonymous
    Nov 06, 2007 @ 16:48:00

    >ciao, sono Paul Newmann, il blue eyes del cinema americano, volevo dire a Bob Redford che me fa na pippa a quattro mani e quando vuole je dò scola e dopo scola a lui e a tre quarti della palazzina sua, Troy è un grande e quando parla di lui e di John se deve sciacquà non una, ma cento volte la bocca!!!

    Rispondi

  22. Anonymous
    Nov 07, 2007 @ 11:42:00

    >Ciao a tutti, sono Sean Connery, volevo salutare i miei illustri colleghi e mandarli caldamente affanculo, inoltre volevo dire che Brion come agente nun vale un cazzo! però, che grandiosa regia, Troy, vorrei fare un film con te!Sean.

    Rispondi

  23. Anonymous
    Nov 08, 2007 @ 12:57:00

    >Caro Manlio,colgo anch’io l’occasione per esprimere tutta la mia gioia per l’iniziativa del filo diretto con te, che da sempre raccogli i dubbi, le speranze, i mea culpa, gli ex-voto e le richieste di intercessione di noi tifosi dei Kipsta.Ti scrivo questa volta per esporti una mia perplessità, e ti prego di prenderla come una sincera e cristiana richiesta di chiarezza. Sollevo questa mia perplessità a proposito del sondaggione sul capitano; ho riflettito molto e non penso di peccare di tracotanza affermando che il sondaggio in questione è stato posto in modo quantomeno squilibrato, se non irregolare. Voglio sorvolare sulla riproposizione in votazine del Guada (il cui ovale angelico me lo rende molto simpatico….somigla a un cherubino!), ma mi permetto di dissentire sulla dislocazione dei candidati alla fascia nei due turni. Mi pare infatti evidente che questa abbia favorito inequivocabilmente (108 voti…) un personaggio dalla discutibile rettitudine morale come il Sarto. Sulla validità calcistica dell’atleta non mi esprimo ma credo che, visti i suoi comprovati trascorsi peccaminosi, sia da sconsigliare una sua ascensione al ruolo di capitano! Mi chiedo infatti: quale esempio daremmo ai bambini? E quale effetto dirompente avrebbe su numerosi nuclei familiari, l’appoggiare un capitano fedifrago (tutta la mia PIETAS per la moglie) e dalle tendenze (che Dio m’aiuti) sessuali dubbie??? Ti espongo il problema con urgenza anche perchè, oltre ad alimentare le impure chiacchiere da bar di certe frange di peccatori del tifo, sta da qualche tempo nascendo un certo mormorio anche fra i fedeli del mio oratorio parrocchiale. Pensa che l’altra domenica, durante la castagnata in Val Pilzetta, non si parlava d’altro!Ti prego di dare ascolto al mio grido accorato, e ti benedico come sempre,don Pio LamazzaParrocchia N.S.della ChetichellaGimignano d’Adda(BR)P.s. quando vuoi passare a trovarci come facevi un tempo, sei il benvenuto! A giorni avremo la raccolta delle olive, e, se vorrai venirci a trovare, sappi che un nuovo “operaio nella vigna del Signore” è sempre ben accetto!

    Rispondi

  24. Anonymous
    Nov 08, 2007 @ 14:10:00

    >Carissimo Padre, che piacere sentirla dopo tanto tempo!!! Leggo con sollecitudine ed interesse il suo sfogo che mi ricorda tanto quando in confessione ci ammoniva a passare meno tempo possibile in bagno per evitare serie ripercussioni al bulbo oculare. La domanda che mi pone merita una doppia risposta: Si e si. Si, il sondaggio è stato fatto in maniera quantomeno sbilanciata, non fosse altro che si profila una finale di sondaggione con protagonista Federico l’olandesevolante, giovane dabbene e meritorio ma sicuramente non ancora attrezzato per ricoprire, anche solo ipoteticamente, un simile ruolo di responsabilità. Si, la vittoria in questo giorne eliminatorio del Sarto spalanca la porta ad una serie di dubbi e problematica che non possono e non debbono essere sottovalutate. Giocatore vero il Sarto, ma sicuramente non un modello di santità, tutt’altro: fumantino in campo e sbarazzino fuori, salta di fiore in fiore nonstante abbia contratto il sacro vincolo del matrimonio oramai più di un’anno addietro. ancora una volta la responsabilità non è del tifo borbontino che vota i giocatori a cui è più affezionato e che rispecchiano in campo i suoi valori (non a caso Homer è risultato trionfatore nel primo sondaggio a mani basse nonostante le sue frequentazioni tutt’altro che raccomandabili) ma la Società e, in particolare, il Presidente angelone, il cui roboante silenzio ha oramai assordato tutti noi addetti ai lavori. Senza una società solida e presente non può esistere squadra compatta e decisa. questo, credo, spiega molte delle perplessità da lai esposte e molti dei problemi recenti del Kipsta.La saluto ancora cordialmente caro Padre e le do appuntamento alla sagra del castagnaccio fritto-panato che si terrà a Monteroni D’Arbia il 24-25-26 dicembre. Manifestazione a cui sono stato invitato a partecipare e che mi vedrà presentare il concorso “Miss maglietta bagnata sotto la neve: in 10 secondi 2 chiodi davanti e una bella broncopolmonite”.Sempre devotissimo,Manlio Cersosimo

    Rispondi

  25. Anonymous
    Nov 08, 2007 @ 14:19:00

    >Homer, Pomata e Sarto sono i più amati, e nessuno ce vole sta!!!!Danny Mellow

    Rispondi

  26. Anonymous
    Nov 08, 2007 @ 14:28:00

    >Basta con tutti questi preti falsi….Guada, Manlio, ora persino don Pio Lamazza, è uno scempio!Tutti bravi ad insinuare… la gente si conquista col cuore, mettendo in campo i propri pregi e difetti, non a colpi di articoli di giornalisti prezzolati! Il sondaggio che voleva consolidare la leadership del Guada si è ritorto contro le eminenze grigie che lo hanno organizzato… E adesso giù a tirare fango su quelli che lo hanno vinto…. VERGOGNATEVI!!Homer pornografico, Pomata intrallazzone, Sarto donnaiolo o culattone, non importa, sempre meglio dei raccomandati!Ciclope è vivo e lotta insieme a noi!I ragazzetti dei piloty

    Rispondi

  27. Anonymous
    Nov 08, 2007 @ 14:34:00

    >Caro Manlio,adesso la Chiesa cerca di mettere bocca anche nel mondo del calcio?Mi sembra assurdo che don Pio Lamazza attacchi in modo così vergognoso un calciatore come il Sarto solo per i suoi trascorsi marxisti-leninisti: sappiamo tutti ormai che il Sarto ha compiuto tutta la parabola del buon “post comunista” (come dice Berlusconi adesso guarda con favore al Pci-Pds-Ds-Pd) e non possiamo continuare a discriminarlo impunemente.Questa velenosa campagna mediatica contro il Sarto ci ha fatto ripiombare nei periodi bui del Maccartismo in America o dello scandalo Vallettopoli di qualche tempo fa. Il Sarto è stato linciato prima come uomo e poi come calciatore perchè sono state messe in discussione le sue tendenze sessuali e perchè si è fatto gossip di bassa lega sul suo stato civile (questo favorito anche dalle deliranti dichiarazioni della sua sedicente prima moglie che lo ha voluto mettere alla berlina davanti a tutti).Ecco Manlio, la mia domanda è questa: ma se per una semplice elezione a capitano è stata fatta questa ignobile guerra contro il Sarto, cosa accadrà quando sarà in procinto di essere eletto Papa dal conclave?Ti ringrazio in anticipo per la risposta che vorrai darmi.Un salutoSellone Ciompi

    Rispondi

  28. Anonymous
    Nov 08, 2007 @ 15:19:00

    >Non ho mai detto questo!!!! Attenzione ai post falsi..e poi io neanche parlo bene l’italiano!Danny Mellow

    Rispondi

  29. Anonymous
    Nov 08, 2007 @ 15:23:00

    >E no eh! Adesso non ci sto davvero più! Sono stato zitto di fronte alle uscite di quel cattocomunista borghese del Guada. Ho fatto finta di niente davanti alle sparate di quel losco rappresentante del capitalismo giapponese che è Danny. Ho resistito persino di fronte alla carrellata di slogan neo-fascisti di quell’analfabeta di Homer e del suo seguito di immondizie sociali! Ma adesso che mi venite a dire che il Sarto è comunista…no! Non posso sopportarlo!!!Dov’era il Sarto mentre raccoglievamo le firme per far portare la salma del grande Ul’janov(Lenin)a Roma?Dov’era il Sarto mentre noi e i compagni del centro sociale “Duma di Centocelle” manifestavamo sotto casa di quel moderato centrista del cazzo di Diliberto?E dov’era il Sarto mentre, intonando fieri le note dell’Internazionale, respingevamo i poliziotti che volevano impedirci di organizzare una tavola rotonda in piazza Indipendenza dal titolo “Zinov’ev e Kamenev, due moderati senza palle”?No, miei cari. Non provateci neanche a spacciare quel vigliacco fighetto, esponente dell’ormai dilagante casta giudaico-capitalista, per un comunista. E’ un’offesa per tutti i veri Compagni!!!E tu, Manlio, non dovresti permetterlo!Vladimir TerenziCentro Sociale “grottaROSSA”

    Rispondi

  30. Anonymous
    Nov 08, 2007 @ 15:30:00

    >Caro Sellone, una antica massima laica diceva “Libera chiesa in libero Stato”, un’altra presente nel Vangelo “Date a Cesare ciò che è di Cesare e a Dio ciò che è di Dio”. Provenienze diverse ma simile concetto: ognuno è libero di dire ciò che vuole su qualsiasi argomento, la libertà è un diritto di tutti, soprattutto per una Istituzione che ha fra le sue prerogative quella di indirizzare i suoi fedeli ad una vita orientata ai principi della fede cattolica e, quindi, anche della moralità privata e pubblica. Certo è che tutto deve fermarsi a questo, ad un indirizzo di massima, ad un suggerimento cui i fedeli possono e devono sentirsi liberi di aderire o meno. Le scelte, come dicevo in un mio precedente post, le prende la società ed i tifosi sono liberi di osannare e celebrare chi reputano li rappresenti meglio. Una volta che questo punto viene compreso ed interiorizzato, io credo che tutti si possa valutare nella giusta prospettiva le polemiche degli ultimi giorni e, più in generale, il valore di una squadra e dei suoi componenti fuori da facili schematismi e preconcetti.cordiali saluti,Manlio Cersosimo

    Rispondi

  31. Anonymous
    Nov 08, 2007 @ 15:32:00

    >Bello, bello tutto Manlio, ma la sostanza è una sola: ar Sarto je piace da fa er trenino co Garison mentre Homer c’ha n’abbacchio sotto che manco Rocco!!!!!Semo noi der Pedeske i veri difensori da moralità e daa storia de roma, semo noi der Pedeske che semo annati a caccia gli zingheri dar colle Oppio.. e le guardie che ce menavano!!!Olindo CristinaGruppo Pedeske, frangia tradizione e distinzione

    Rispondi

  32. Anonymous
    Nov 08, 2007 @ 15:44:00

    >Ciao Manlio,ma tu che sei ormai la nostra guida spirituale e che dirimi le diatribe con la stessa saggezza dello Shogun Mizzu Kunimito, come ti poni di fronte ai grandi quesiti dell’universo?E’ nato prima l’uovo o la gallina?E’ meglio avere il sedere gelato o un gelato nel sedere?Ma soprattutto: è meglio un culo caldo in panza o una panza calda al culo?Certo di una tua risposta.Con stimaOrnaris da Monte Cosaro

    Rispondi

  33. Anonymous
    Nov 08, 2007 @ 15:53:00

    >Una panza calda al culo tutta la vita!!Manlio Cersosimo

    Rispondi

  34. Anonymous
    Nov 08, 2007 @ 16:01:00

    >Basta con questi falsi post denigratori!!!!Manlio Cersosimo

    Rispondi

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: