Commozione suprema!

Ho scoperto che esiste un giorno nel calendario in cui noi amministratori di sistema siamo venerati e ringraziati… o almeno così dovrebbe essere…: l’ultimo venerdì di luglio di ogni anno: il Giorno dell’Amministratore di Sistema.

Tutto è nato dalla lettura di una rivista di informatica e da una pubblicità. Così, il mitico Tedd, figlio della società dell’accesso, ha visto come le pubblicità riportavano l’apprezzamento dei colleghi verso un amministratore di rete (e solo per aver comprato una stampante) e parificato il trattamento con quello che riceveva lui quotidianamente. Accortosi della grossa discrepanza esistente tra i due modelli, ha pensato di introdurre un giorno dedicato agli amministratori di rete ed ha aperto un sito internet, questo.

L’iniziativa è al suo 8° anno di esecuzione, e sembra che in America abbia riscosso un certo successo. E che magari in questa giornata arrivi anche l’aumento di stipendio.
Ok, ora per lo scenario italiano siamo già alla fantascienza. Primo, perchè le retribuzioni italiane in ambito sistemistico non sono neanche lontanamente paragonabili con quelle USA, ove, in media, un sistemista arriva a guadagnare anche 58$ l’ora… ripeto 58$ l’ora (… per una somma del genere mi commuto in Mr. Wolf), e dove l’istituzione, anche estemporanea di un simile giorno, ha raccolto talmente tante adesioni da divenire praticamente “istituzionale” nel giro di qualche anno – alla stregua del giorno delle segretarie (e chi fa anche solo un accenno di parallelismo tra le due posizioni è ufficialmente MORTO). In secondo luogo, perchè in Italia vige ancora la famosa regola del fai da te, in cui i sistemisti sono creati sul momento, in un mercato che richiede figure professionali, sono pochi coloro che rispondono ai canoni tipici dell’Amministratore di Sistema come è inteso negli USA o nel mondo che tecnologicamente conta. Questo perchè i corsi sono visti costi e non investimenti, perchè i sistemisti sono spesso soli, oberati di lavoro di helpdesk, e difficilmente considerati altro che “il ragazzo del computer”, anche se il ragazzo ha ormai superato gli -anta.

Non dappertutto eh! Vi sono isole felici, ma sono poche, confinate ai grandi gruppi internazionali, ed anche lì, in ogni caso, la comune “sensibilità” esterna compare spesso come elemento di livellamento verso il basso.

Il giorno dell’Amministratore non viene a intaccare lo scenario, ma se fosse istituito come festività non-ufficiale, sarebbe comunque un primo passo verso la normalizzazione di un settore, quello informatico, in cui i confini grigi tra le specializzazioni sono imposti e non cercati dai professionisti, ben consci delle differenze tra le varie branche dell’informatica, e che solo per “adattabilità” eseguono lavori che sconfinano in altri settori, perchè dietro la porta c’è sempre un giovane di belle speranze, smanettone e “mago dei computer” che assicura che la cosa è fattibile, senza curarsi degli standard di qualità, efficienza e costi che vigono nel mercato.

Sys admin Day. Join the Crusade. Per non lasciarli soli, per non demotivarli, per ringraziarli del loro silente e costante lavoro a supporto dell’azienda in cui operano.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: